Sorelle, A. Petrosino

Crescere insieme Parole chiave: racconto realistico - fratelli e sorelle, somiglianze Sorelle Angelo Petrosino, È un altro giorno, Jessica, Sonda – Posso venire a coricarmi nel tuo letto? – mi ha chiesto ieri sera mia sorella. – Perché? – Vorrei chiacchierare un po’ con te. – Io però ho sonno. E domani ho compito in classe. – Solo pochi minuti. Mi sono spostata verso il muro e lei è venuta ad allungarsi al mio fianco. – Sentiamo. – Ce l’hai una foto di quando avevi otto anni? Era una domanda che proprio non mi aspettavo. – Credo di sì. – Me la fai vedere? – Adesso? – Sì, solo un momento. – Come mai questo desiderio alle dieci di sera? – Tutti dicono che noi due un po’ ci somigliamo. Allora vorrei controllare se quando avevi otto anni eri come me. Dai, fammi vedere questa foto. Tutte le mie foto sono in una scatola che si trova su un ripiano del nostro armadio a muro. Ho acceso la luce, sono salita su una sedia, ho preso la scatola, ho sfogliato un fascio di fotografie e ne ho pescata una, che ho portata a mia sorella. – Soddisfatta? – Questa sei tu? Nella foto ero in costume da bagno, con i piedi nell’acqua e la schiena addossata a una barca capovolta. – Sì, mi sembra che ci somigliamo abbastanza – ha detto. Gioco Se potessi assomigliare a un animale, quale sceglieresti? A turno, ognuno pensa all’animale che vorrebbe essere e si presenta ai compagni con una frase (per esempio, “Sono alta e vegetariana”…). I compagni possono fare solo due domande per indovinare. Ci penso Vorrei assomigliare a… La bambina di questo racconto sembra contenta di assomigliare alla sua sorella maggiore. Tu, a chi vorresti assomigliare? Perché?
Crescere insieme  Parole chiave: racconto realistico - fratelli e sorelle, somiglianze Sorelle Angelo Petrosino, È un altro giorno, Jessica, Sonda – Posso venire a coricarmi nel tuo letto? – mi ha chiesto ieri sera mia sorella. – Perché? – Vorrei chiacchierare un po’ con te. – Io però ho sonno. E domani ho compito in classe. – Solo pochi minuti. Mi sono spostata verso il muro e lei è venuta ad allungarsi al mio fianco. – Sentiamo. – Ce l’hai una foto di quando avevi otto anni? Era una domanda che proprio non mi aspettavo. – Credo di sì. – Me la fai vedere? – Adesso? – Sì, solo un momento. – Come mai questo desiderio alle dieci di sera? – Tutti dicono che noi due un po’ ci somigliamo. Allora vorrei controllare se quando avevi otto anni eri come me. Dai, fammi vedere questa foto. Tutte le mie foto sono in una scatola che si trova su un ripiano del nostro armadio a muro. Ho acceso la luce, sono salita su una sedia, ho preso la scatola, ho sfogliato un fascio di fotografie e ne ho pescata una, che ho portata a mia sorella. – Soddisfatta? – Questa sei tu? Nella foto ero in costume da bagno, con i piedi nell’acqua e la schiena addossata a una barca capovolta. – Sì, mi sembra che ci somigliamo abbastanza – ha detto. Gioco  Se potessi assomigliare a un animale, quale sceglieresti? A turno, ognuno pensa all’animale che vorrebbe essere e si presenta ai compagni con una frase (per esempio, “Sono alta e vegetariana”…). I compagni possono fare solo due domande per indovinare. Ci penso Vorrei assomigliare a…  La bambina di questo racconto sembra contenta di assomigliare alla sua sorella maggiore. Tu, a chi vorresti assomigliare? Perché?