Il filo magico - Letture 3 Sfoglialibro

IL RACCONTO FANTASTICO IL MITO Quando uscì dalla fucina, un barlume di fuoco rosato brillava nel cavo di un giunco: con quello Prometeo abbandonò l Olimpo. In ogni grotta che incontrava, in ogni capanna, entrava a dare il fuoco e a raccomandare di essere prudenti. Così gli uomini si poterono scaldare e il fuoco rimase in loro possesso, perché lo conservavano come il bene più caro. Quando Zeus vide che sulla terra c era il fuoco, si inferocì contro Prometeo. La sua ira fu tremenda. Lo incatenò ad una rupe e diede ordine a un aquila di andare ogni giorno a rodergli il fegato. Per molto tempo Prometeo restò lassù; ogni giorno, infatti, il fegato divorato dall aquila tornava a formarsi. Eterna sarebbe stata la condanna voluta da Zeus se un giorno il fortissimo Eracle, passando da quelle parti, non avesse sentito le urla di Prometeo. Eracle uccise l aquila staccandole netta la testa con un disco di pietra, poi prese la catena che legava Prometeo e la strappò dalla roccia. TANTI TIPI DI TESTO La spiegazione Che cosa vuole spiegare questo antico mito? Chi era Prometeo. In che modo il fuoco è stato donato agli uomini. Come vivevano gli uomini prima della scoperta del fuoco. 107
Il filo magico - Letture 3 Sfoglialibro