Il filo magico - Letture 3 Sfoglialibro

IL RACCONTO FANTASTICO LA LEGGENDA C era un solo uccello che se ne stava in disparte, lontano dagli altri: gironzolava qua e là, con fare indifferente, a volte con le zampe dietro la schiena, e lanciava sguardi distratti: il corvo. Quando la colomba sembrò lì lì per emettere l ultimo respiro, ecco il pappagallo farsi avanti: le si pose dritto di fronte e con il suo becco durissimo colpì la zampa, che nel frattempo era ingrossata come un melone. Avvenne come uno scoppio: il pus che martellava nella zampa ferita schizzò un po ovunque. Il primo a esserne investito fu il pappagallo: le sue piume furono spruzzate di giallo, di rosso, di azzurro. Anche gli altri uccelli vennero investiti da quello strano liquido colorato: chi sul petto, chi sulle ali, chi sul capo o sul becco. Così alcuni vestirono di grigio, altri d un blu intenso, altri ancora di un giallo paglierino. Alcuni ebbero le piume colorate a macchie, altri a strisce, altri ancora a tinta unita, ma tutti gli uccelli ebbero in dono almeno un colore: sembrava la festa dell arcobaleno. Tra quel fremere di piume colorate un solo uccello rimase con il suo triste colore nero: il corvo. Trasforma questa leggenda in un fumetto. Ti servono: una matita, un pennarello nero, pastelli o pennarelli colorati, fogli bianchi e un cartoncino grande. 1. Dividi il testo in sequenze. 2. Per ogni sequenza, disegna su un foglio bianco la scena e i personaggi più importanti. 3. Inventa le battute che si scambiano i personaggi e scrivile nei balloon con il pennarello nero. 4. Colora le scene e poi incollale sul cartoncino, nella giusta sequenza. CI PENSO Tu che cosa faresti? C d g Tu o ti 111

Il filo magico - Letture 3 Sfoglialibro