La partita di pallone, M. Toffetti

IL RACCONTO REALISTICO PAROLE CHIAVE: racconto in prima persona bambini e adulti, gioco del calcio La partita di pallone RACCONTO Racconta ai compagni un gioco divertente che hai fatto con gli amici. SCOPRO LE PAROLE Siamo tosti vuol dire: siamo tanti. siamo forti. una frana vuol dire: casca sempre in terra. non sa fare niente. 20 Adatt. da Maria Toffetti, Un cucciolo da salvare, Mondadori Junior Josny è in vacanza in campeggio con la famiglia e gli zii. Ha conosciuto tanti nuovi amici. Un giorno organizzano una partita di pallone. Andiamo in un prato col pallone; quattro felpe per terra fanno da porta. La partita comincia subito accesissima, i ragazzi olandesi sono svelti e le femmine giocano come i maschi. I loro papà sono spilungoni altissimi, ma Rudi, Silvia Bosio, Guglielmo, il fratello grande di Ludovico, sono bravi e noi piccoli siamo tosti e veloci. Il nostro punto debole è però il portiere: in città il papà delle Bosio è un tipo simpatico, ma in porta è una frana e prendiamo subito tre gol. Vado io in porta mi offro, ma lo zio Carlo, che è alto e grosso, con una gran barba bionda dice: Vai in difesa, Josny, alla porta ci penso io. Lo zio Carlo è allegro e ha una risata contagiosa; in porta poi ha una tecnica tutta speciale: lui non para il pallone, semplicemente lo prende a sberle o a calci. Si muove in modo scomposto ma ha le braccia che sembrano due pale d acciaio e ribatte qualsiasi pallone gli venga a tiro, con i piedi o con le mani. Salva la porta più volte, e Rudi e Guglielmo vanno al tre a tre. Dopo mezz ora di corse e contrasti e acrobazie, gli adulti col fiatone decidono di accontentarsi del pareggio e torniamo al campeggio, fradici di sudore e polvere.

La partita di pallone, M. Toffetti