Descrivere con ordine

SCRITTURA LA DESCRIZIONE DESCRIVERE CON ORDINE 1 Leggi la descrizione e completa la tabella. MEMO Per descrivere una persona è importante soffermarsi sul suo aspetto fisico, ma anche sul comportamento e sul suo carattere. La signora Schiaffoni Quando la mamma mi portava dal dottore non ero per niente contento. Non mi preoccupavano la visita o le sue medicine, ero terrorizzato dalla sua segretaria: la signora Schiaffoni. Lei aveva lunghe unghie rosse laccate e una bocca enorme. I suoi occhi, spalancati e crudeli, erano circondati da un pesante trucco azzurro e nero. Le sue lunghe gambe, magre come matite, sbucavano dalla scrivania e finivano in scarpe di vernice rossa. Gli altissimi tacchi le servivano per avere una statura quasi normale, visto che era più bassa di me e magra come una sardina. Appena qualcuno nello studio osava aprire bocca, diventava tutta rossa in faccia come un pomodoro e con la sua vocina acuta e stridula come quella di un gabbiano chiedeva di fare silenzio per non disturbare il dottore. Ci guardava sempre con aria arrabbiata. Nessuno l’ha mai vista sorridere. PRESENTAZIONE ASPETTO FISICO CARATTERE E COMPORTAMENTO Nome: Qual'è il suo mestiere Bocca: Unghie: Occhi: Gambe: Statura: Corporatura: Abbigliamento: Come si comporta: Com’è il suo carattere: 2 Nel testo è evidenziata una similitudine, cioè un paragone espresso dalla parola “come”. Sottolinea le altre similitudini che trovi nel brano.
SCRITTURA LA DESCRIZIONE DESCRIVERE CON ORDINE 1 Leggi la descrizione e completa la tabella. MEMO Per descrivere una persona è importante soffermarsi sul suo aspetto fisico, ma anche sul comportamento e sul suo carattere. La signora Schiaffoni Quando la mamma mi portava dal dottore non ero per niente contento. Non mi preoccupavano la visita o le sue medicine, ero terrorizzato dalla sua segretaria: la signora Schiaffoni. Lei aveva lunghe unghie rosse laccate e una bocca enorme. I suoi occhi, spalancati e crudeli, erano circondati da un pesante trucco azzurro e nero. Le sue lunghe gambe, magre come matite, sbucavano dalla scrivania e finivano in scarpe di vernice rossa. Gli altissimi tacchi le servivano per avere una statura quasi normale, visto che era più bassa di me e magra come una sardina. Appena qualcuno nello studio osava aprire bocca, diventava tutta rossa in faccia come un pomodoro e con la sua vocina acuta e stridula come quella di un gabbiano chiedeva di fare silenzio per non disturbare il dottore. Ci guardava sempre con aria arrabbiata. Nessuno l’ha mai vista sorridere. PRESENTAZIONE ASPETTO FISICO CARATTERE E COMPORTAMENTO Nome:    Qual'è il suo mestiere       Bocca:    Unghie:    Occhi:    Gambe:    Statura:    Corporatura:    Abbigliamento:    Come si comporta:      Com’è il suo carattere:     2 Nel testo è evidenziata una similitudine, cioè un paragone espresso dalla parola “come”. Sottolinea le altre similitudini che trovi nel brano.