Una frase per ogni immagine

SCRITTURA IL RIASSUNTO UNA FRASE PER OGNI IMMAGINE 1 Leggi il testo diviso in sequenze. Sogno o realtà? Quella notte Mina era stata assalita da un coccodrillo. L’aveva aggredita addentandole il sedere ed era stato orribile. Mina aveva riconosciuto il coccodrillo della maglietta del papà, però quello era più grande ed era vero. La mattina dopo era domenica e Mina andò a vedere sulla maglietta del papà se il coccodrillo c’era ancora. Non c’era. Il coccodrillo scorrazzava libero e il segno sul sedere c’era eccome. Non faceva troppo male, ma se Mina si guardava allo specchio era quasi sicura di vedere il segno lasciato dai denti. Era la prova che non si era sognata tutto quanto. Scese in cucina. Sulla finestra era seduta la gatta. L’avevano chiamata Coccola perché la mamma sperava che diventasse una gatta buona e coccolona, ma se non le si dava da mangiare in tempo, Coccola si arrabbiava un po’. In quei momenti non era affatto coccolona, e diceva che sarebbe uscita a far fuori qualche uccellino, se non le davano un po’ di paté di fegato. Allora Mina le dava il paté di fegato e Coccola tornava a essere coccolona. Mina parlava spesso con Coccola quando erano sole, ma soltanto allora, perché erano gli unici momenti in cui Coccola le rispondeva. − Coccola, – disse Mina – stanotte un coccodrillo femmina mi ha morso il sedere. − Mica posso farci niente, io – rispose Coccola scocciata. − Ma ho paura che stanotte ritorni – disse Mina. − A proposito, – fece Coccola – non mi dispiacerebbe un po’ di paté di fegato. − Cominci a essere troppo grassa – disse Mina – non dovresti mangiare il paté di fegato. A quel punto Coccola si incavolò di brutto e andò in cucina a vedere se trovava qualcos’altro. Mina rimase male. P. O. Enquist, La montagna delle tre grotte, Feltrinelli Kids MEMO Per fare un riassunto è importante: leggere il testo e capire di che cosa parla; dividerlo in sequenze e trovare in ognuna l’informazione più importante. 2 Queste immagini illustrano le sequenze del testo. Mettile in ordine numerandole da 1 a 5. 3 Ora scrivi una breve frase per ogni immagine. Otterrai il riassunto del racconto. 1. 2. 3. 4. 5. Controlla l’ortografia!
SCRITTURA IL RIASSUNTO UNA FRASE PER OGNI IMMAGINE 1 Leggi il testo diviso in sequenze. Sogno o realtà? Quella notte Mina era stata assalita da un coccodrillo. L’aveva aggredita addentandole il sedere ed era stato orribile. Mina aveva riconosciuto il coccodrillo della maglietta del papà, però quello era più grande ed era vero. La mattina dopo era domenica e Mina andò a vedere sulla maglietta del papà se il coccodrillo c’era ancora. Non c’era. Il coccodrillo scorrazzava libero e il segno sul sedere c’era eccome. Non faceva troppo male, ma se Mina si guardava allo specchio era quasi sicura di vedere il segno lasciato dai denti. Era la prova che non si era sognata tutto quanto. Scese in cucina. Sulla finestra era seduta la gatta. L’avevano chiamata Coccola perché la mamma sperava che diventasse una gatta buona e coccolona, ma se non le si dava da mangiare in tempo, Coccola si arrabbiava un po’. In quei momenti non era affatto coccolona, e diceva che sarebbe uscita a far fuori qualche uccellino, se non le davano un po’ di paté di fegato. Allora Mina le dava il paté di fegato e Coccola tornava a essere coccolona. Mina parlava spesso con Coccola quando erano sole, ma soltanto allora, perché erano gli unici momenti in cui Coccola le rispondeva. − Coccola, – disse Mina – stanotte un coccodrillo femmina mi ha morso il sedere. − Mica posso farci niente, io – rispose Coccola scocciata. − Ma ho paura che stanotte ritorni – disse Mina. − A proposito, – fece Coccola – non mi dispiacerebbe un po’ di paté di fegato. − Cominci a essere troppo grassa – disse Mina – non dovresti mangiare il paté di fegato. A quel punto Coccola si incavolò di brutto e andò in cucina a vedere se trovava qualcos’altro. Mina rimase male. P. O. Enquist, La montagna delle tre grotte, Feltrinelli Kids MEMO Per fare un riassunto è importante:  leggere il testo e capire di che cosa parla;  dividerlo in sequenze e trovare in ognuna l’informazione più importante. 2 Queste immagini illustrano le sequenze del testo. Mettile in ordine numerandole da 1 a 5. 3 Ora scrivi una breve frase per ogni immagine. Otterrai il riassunto del racconto. 1.  2.  3.  4.   5.  Controlla l’ortografia!