La struttura della frase

Più facile La struttura della frase 1 Leggi il testo: è un mito cinese sulla creazione del mondo. Come Panku creò il mondo All’inizio dei tempi il mondo era un gigantesco uovo, immerso nel buio. Dentro l’uovo dormiva il gigante Panku. Il gigante cresceva e l’uovo rimaneva sempre uguale, così, a un certo punto, Panku toccò il guscio e si svegliò: – Si sta un po’ stretti qua dentro: andiamo a vedere cosa c’è fuori! Il gigante ruppe il guscio: il contenuto più leggero dell’uovo salì verso l’alto e formò così il Cielo, quello più pesante scese in basso e diventò la Terra. Quando, soddisfatto del suo lavoro, Panku morì, il suo respiro si trasformò in vento e la sua voce in tuono. L’occhio sinistro divenne il Sole e l’occhio destro divenne la Luna. Le sue braccia diventarono montagne, le sue vene sentieri e strade e la sua carne terreno per i campi. Il suo sudore si trasformò in pioggia e rugiada, mentre dai suoi capelli nacquero tutte le stelle del cielo. Fu così che Panku creò il mondo. E. Giacone, Miti e leggende sulle origini del mondo e dei suoi abitanti, Gaia Edizioni 2 Collega. Il Cielo si formò… → dal contenuto più leggero dell’uovo. La Terra si formò… Il vento si formò… Il Sole si formò… dal respiro di Panku. dal contenuto più pesante dell’uovo. dall’occhio sinistro di Panku. 3 Riordina i pezzetti per formare le frasi. le stelle dai capelli nacquero di Panku Le stelle nacquero dai capelli di Panku. di albicocche preparerà la zia la marmellata domani consegnano di matematica i bambini i quaderni alla maestra 4 Riordina i pezzetti per formare le frasi. In ogni frase c’è un pezzo che non serve: cancellalo. a Pietro Lucia a Milano in treno domenica andrà Domenica Lucia andrà a Milano in treno. con il sapone velocemente lei le mani si è lavata Barbara Omar uno scheletro ha visto di orso hanno visto al museo
Più facile La struttura della frase 1 Leggi il testo: è un mito cinese sulla creazione del mondo. Come Panku creò il mondo All’inizio dei tempi il mondo era un gigantesco uovo, immerso nel buio. Dentro l’uovo dormiva il gigante Panku. Il gigante cresceva e l’uovo rimaneva sempre uguale, così, a un certo punto, Panku toccò il guscio e si svegliò: – Si sta un po’ stretti qua dentro: andiamo a vedere cosa c’è fuori! Il gigante ruppe il guscio: il contenuto più leggero dell’uovo salì verso l’alto e formò così il Cielo, quello più pesante scese in basso e diventò la Terra. Quando, soddisfatto del suo lavoro, Panku morì, il suo respiro si trasformò in vento e la sua voce in tuono. L’occhio sinistro divenne il Sole e l’occhio destro divenne la Luna. Le sue braccia diventarono montagne, le sue vene sentieri e strade e la sua carne terreno per i campi. Il suo sudore si trasformò in pioggia e rugiada, mentre dai suoi capelli nacquero tutte le stelle del cielo. Fu così che Panku creò il mondo. E. Giacone, Miti e leggende sulle origini del mondo e dei suoi abitanti, Gaia Edizioni 2 Collega. Il Cielo si formò… → dal contenuto più leggero dell’uovo. La Terra si formò… Il vento si formò… Il Sole si formò…   dal respiro di Panku. dal contenuto più pesante dell’uovo. dall’occhio sinistro di Panku. 3 Riordina i pezzetti per formare le frasi. le stelle dai capelli nacquero di Panku Le stelle nacquero dai capelli di Panku. di albicocche preparerà la zia la marmellata domani   consegnano di matematica i bambini i quaderni alla maestra   4 Riordina i pezzetti per formare le frasi. In ogni frase c’è un pezzo che non serve: cancellalo. a Pietro Lucia a Milano in treno domenica andrà Domenica Lucia andrà a Milano in treno. con il sapone velocemente lei le mani si è lavata Barbara   Omar uno scheletro ha visto di orso hanno visto al museo