L’uomo venuto dal ghiaccio

Storia Il Neolitico L’uomo venuto dal ghiaccio Purtroppo molti reperti della Preistoria non sono arrivati fino a noi. Tutto il materiale in legno, stoffa, cuoio che l’uomo ha realizzato, si è distrutto nel corso del tempo. Ogni tanto però la natura riserva agli archeologi qualche sorpresa. La neve, per esempio, come un enorme freezer, ha conservato mammut quasi intatti per decine di migliaia di anni. Il 19 settembre del 1991, sulle Alpi italiane, affiorarono tra i ghiacci i resti di un uomo dell’Età del Rame, con tutti gli oggetti che aveva con sé al momento della morte. Questa mummia, chiamata Ötzi dal nome della catena montuosa in cui fu trovata, è un reperto eccezionale. Non era mai stato trovato il corpo di un uomo antico così ben conservato. Gli scienziati, che ancora lo stanno studiando, hanno scoperto che Ötzi è vissuto 5300 anni fa e che, subito dopo la morte, è stato coperto da una tempesta di neve. Ötzi è l’unica testimonianza completa della nostra Preistoria. Una recente ricostruzione di Ötzi. Gli oggetti di Ötzi La mummia di Ötzi e tutti gli oggetti che portava con sé sono conservati nel Museo Archeologico dell’Alto Adige di Bolzano. Secondo gli scienziati Ötzi era un uomo di circa 45 anni. Nel suo ultimo viaggio tra le nevi aveva con sé un arco in legno e una faretra fatta di pelle di camoscio con delle frecce. Portava un coltello di selce con una custodia da appendere alla cintura, una pietra per affilare la selce e un’ascia con la punta di rame. Nello zaino in legno e pelle è stata ritrovata, tra le altre cose, una corda in fibra di legno. I suoi vestiti, il mantello e i gambali erano in pelle di capra mentre il berretto era di pelo di lupo. Le scarpe erano di cuoio imbottite di paglia con i lacci di pelle. La ricostruzione di alcuni oggetti ritrovati insieme a Ötzi.

Storia Il Neolitico

L’uomo venuto dal ghiaccio

Purtroppo molti reperti della Preistoria non sono arrivati fino a noi. Tutto il materiale in legno, stoffa, cuoio che l’uomo ha realizzato, si è distrutto nel corso del tempo. Ogni tanto però la natura riserva agli archeologi qualche sorpresa. La neve, per esempio, come un enorme freezer, ha conservato mammut quasi intatti per decine di migliaia di anni.

Il 19 settembre del 1991, sulle Alpi italiane, affiorarono tra i ghiacci i resti di un uomo dell’Età del Rame, con tutti gli oggetti che aveva con sé al momento della morte.

Questa mummia, chiamata Ötzi dal nome della catena montuosa in cui fu trovata, è un reperto eccezionale. Non era mai stato trovato il corpo di un uomo antico così ben conservato. Gli scienziati, che ancora lo stanno studiando, hanno scoperto che Ötzi è vissuto 5300 anni fa e che, subito dopo la morte, è stato coperto da una tempesta di neve.

Ötzi è l’unica testimonianza completa della nostra Preistoria.

Gli oggetti di Ötzi

La mummia di Ötzi e tutti gli oggetti che portava con sé sono conservati nel Museo Archeologico dell’Alto Adige di Bolzano.

Secondo gli scienziati Ötzi era un uomo di circa 45 anni. Nel suo ultimo viaggio tra le nevi aveva con sé un arco in legno e una faretra fatta di pelle di camoscio con delle frecce. Portava un coltello di selce con una custodia da appendere alla cintura, una pietra per affilare la selce e un’ascia con la punta di rame. Nello zaino in legno e pelle è stata ritrovata, tra le altre cose, una corda in fibra di legno. I suoi vestiti, il mantello e i gambali erano in pelle di capra mentre il berretto era di pelo di lupo. Le scarpe erano di cuoio imbottite di paglia con i lacci di pelle.